I piani astrali: vampiri e lupi mannari II PARTE

Abbiamo iniziato nella prima parte dell’articolo a parlare degli abitanti del piano astrale, descrivendo cosa sono i vampiri, oggi proseguiremo a parlare dei lupi mannari. I lupi mannari, per quanto creature altrettanto orribili quanto i vampiri, devo essere visti come una “sottospecie” degli esseri umani, che vivono appunto nel piano astrale e si materializzano nel piano fisico, poiché nel corso di una esistenza umana che essi si manifestano la prima volta sotto questa forma.

lupi mannari-vampiri

Questo implica invariabilmente la conoscenza di qualche arte magica, sufficiente in ogni caso a proiettare il corpo astrale. Quando un uomo assolutamente crudele e brutale fa ciò, vi sono alcune circostanze nelle quali il corpo può essere ricalcato su altre entità astrali e materializzato, non in forma umana, ma in quella di qualche animale selvaggio, usualmente il lupo; in questa condizione può aggirarsi per la campagna circostante uccidendo altri animali, o anche esseri umani, soddisfacendo così non solo il suo desiderio di sangue, ma anche quello dei demoni che lo guidano. In questo caso, e così come anche spesso con l’ordinario corpo astrale, qualsiasi ferita inflitta alla materializzazione dell’animale si riprodurrà sul corpo fisico umano per lo straordinario fenomeno della ripercussione. I viaggiatori del piano astrale in ogni caso non devono preoccuparsi molto di queste malvagie creature, proprio perché sono ormai estremamente rare, e lo saranno sempre di più con il passare del tempo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...