Cernunnos, il Dio Cornuto, chi si nasconde davvero dietro questa figura?

Cernunnos è uno degli Dei più popolari della cultura celtica. Cernunnos è conosciuto anche come “il Dio cornuto”. E’ stato spesso associato a “l’uomo verde”, il guardiano del mondo verde. Ma molte delle informazioni su di Lui non sono del tutto corrette, vediamo quindi le sue orgini e cosa realmente rapprensenta.

cernunnos-dio-cornuto-celtico-mondo-degli-spiriti

La sua rappresentazione più famosa è data dal calderone di Gundestrup ma le sue prime raffigurazioni si trovano tra le Incisioni rupestri della Val Camonica in Italia e risalgono al IV secolo a.C. .
Sul calderone di Gundestrup è raffigurato come un uomo maturo, con barba e capelli lunghi. E’ seduto a gambe incrociate con un serpente in mano ( che simboleggia la rinascita, il rinnovamento e la trasformazione ) e con un torques (simbolo di grande potere individuale, di onore e capacità di azione).
Sulla testa ha delle corna di cervo ( simbolo di morte e rinascita).

Egli è il Dio protettore degli animali, è il Dio della fertilità, dell’abbondanza, della continua trasformazione e della caccia. E’ legato alla ricchezza materiale raffigurato spesso con sacchi di monete. Dotato di grande forza combattiva e potenza sessuale viene legato alla festa della fertilità di Beltane (1° maggio)
Non dobbiamo dimenticare la sua parte più oscura che lo porta ad essere il guardiano del mondo sotterraneo , egli infatti trasporta le anime dei morti. Rappresentando il ciclo di morte e rinascita egli spesso viene associato alla ruota dell’anno celtica.

Nella wicca viene spesso utilizzata l’immagine del Dio Cernunnos anche se spesso unita a caratteristiche appartenenti al Dio Pan, associazione che non ha alcun riferimento storico-culturale.

 

Associazioni:

Colori: verde e marrone
Direzione: Nord
Elemento: terra
Giorno dedicato: domenica
Pietre: agata muschiata, serpentino, ambra, cristallo di rocca
Piante: quercia , edera, vischio, ginepro, valeriana
Offerte: pigne, foglie di quercia, frutta, grano, carne, vino rosso
Incenso: rosmarino, pino, sandalo, cannella

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...